Header

Coltello sardo Resolza classica inox varie misure

Condividi

Coltelleria Mura, Santu Lussurgiu

Il manufatto nella versione "classica" inox da 120 mm, presenta il manico in corno di Montone, lama in Acciaio inossidabile a "foglia di mirto", archetto in acciaio, anello finemente inciso e ribattini in Ottone. Il manico del coltello è assemblato con guancette in corno di Montone sardo. Il perno, anch'esso in metallo, viene ribattuto a mano con cura e precisione su manico e ghiera. La lama è ottenuta ritagliando secondo la sagoma tradizionale delle barre in Acciaio inox inossidabile. L'archetto in acciaio rende il coltello stabile e resistente ai carichi di lavoro e alle torsioni dell'osso.
Il coltello, da sempre ritenuto un oggetto di rilevante valore nell'attività quotidiana del pastore, è stato nei secoli rivisitato dai coltellinai e si è evoluto dall'originaria foggia a leppa, alla più attuale forma a serramanico. La resolza era, e lo è tuttora, un tradizionale coltello sardo, e l'abilità e la maestria degli artigiani sardi come Mura di Santu Lussurgiu rappresentano oggi il valore aggiunto di un'intera comunità e di un'intera Regione.
Dimensioni lama:120 mm
Dimensioni complessive: 240 mm
Materiali/descrizione:
· Manico in corno di montone
· Lama in acciaio Inox
· Anello in ottone finemente inciso
· Archetto in acciaio

zona di lavorazione: Montiferru-Santu Lussurgiu
altre caratteristiche:Prodotto realizzato a mano
 
€ 185,00 

Coltelleria Mura, Santu Lussurgiu

La storia della Coltelleria Vittorio Mura & Figli ha radici a partire dal 1800, nella cittadina sarda di Santu Lussurgiu e oggi è ormai arrivata alla quarta generazione.
Il signor Vittorio, maestro coltellinaio, ha tramandato ai propri figli l'arte di forgiare il metallo, piegando la materia all'estro artistico e accostando ai materiali tradizionali (ferro e corna animali) i metalli preziosi.
Le resolzas (coltelli), realizzati da questa impareggiabile azienda, sono oggetti unici e ricercati sul mercato sia per la loro tipicità, che per la loro bellezza. La coltelleria è diventata meta di collezionisti e di turisti provenienti da ogni parte del mondo.