Header

Cesto sardo in Olivastro e Canna Domestica

Condividi

altezza 40 cm, diametro 32 cm

L'Impagliatore e Cestaio, Siniscola

Nel suo laboratorio di Siniscola, Luca Funedda realizza il classico cesto sardo in olivastro e canna domestica arundo donax dalla sagoma cilindrica e leggermente panciuta. Il cesto è caratterizzato dall’interruzione della superficie verticale di canna con una fascia di olivastro. Di olivastro sono anche il manico, il labbro terminale e il fondo. Il color miele della canna è posto in forte contrasto con il bruno dell’olivastro.
Con il coltello resolza e le cesoie l’artista rimuove dai rametti di olivastro e di canna raccolti nell’agro di Siniscola, le parti in eccesso. Le verghe di olivastro precedentemente inumidite, vengono intrecciate a creare la struttura a fondo intero del manufatto. L’intreccio compatto, il passo continuo della tessitura, il sapiente occultamento della struttura e le rifiniture, fanno di quest’oggetto un prezioso accessorio.
L’artista confeziona cestini di varia foggia e dimensioni, con o senza manico in salice od olivastro, canna palustre e vimini.

 

zona di produzione: Siniscola, Sardegna
zona di lavorazione: Siniscola, Sardegna
€ 48,00 

L'Impagliatore e Cestaio, Siniscola

Dell’intreccio, arte coeva alla ceramica, si trovano testimonianze storiche in tutto il bacino del Mediterraneo e in Sardegna, dove è stato rinvenuto il bronzetto nuragico della figura femminile con la cesta su capo.
L’arte di confezionare cestini si diffonde in tutto il territorio regionale e assume carattere specifico localmente. Luca Funedda nel suo laboratorio di Siniscola, concentrandosi in particolar modo verso i cestini tradizionalmente confezionati dagli uomini e in uso per funzioni agricole e pastorali,  realizza cestini pischeddu e coffa antica in vimini, canna domestica, salice od olivastro. Trova particolare spazio nella produzione dell’artista il cesto tradizionale sa coffa, usato, in occasione della vendemmia, per il trasporto dell’uva.
Attratto sin da piccolo dall’arte dell’intreccio e dall’abilità con cui viene creata la forma del cesto, Luca Funedda apprende l’arte osservando gli artigiani intenti nella selezione dei rami, nel taglio delle canne domestiche e nella complessa lavorazione dell’intreccio. Si appresta fin da subito nella sperimentazione e acquisisce, nel tempo, abilità e competenze che oggi rendono le sue creazioni dei prodotti di eccellenza.
indirizzo: localitÓ Su Poiu e s'Omine - Siniscola